Gallery2018-09-17T16:14:51+00:00

I bresciani raccontano la guerra… a cura dei fotografi Silvia Quadrini e Jody Parisi (LABA)
presso la sede del “Giornale di Brescia” (gennaio-maggio 2018).

Gli occhi – si legge nel famoso romanzo Jane Eyre di Charlotte Brönte – sono lo specchio dell’anima. Nello sguardo di chi ci si pone di fronte, anche se non è direttamente rivolto verso l’obiettivo, è possibile individuare e arricchire di nuove profondità la narrazione condotta dal nostro interlocutore. Ciascuno di noi possiede una sorta di camera oscura dove si custodiscono le immagini più care del proprio passato. Anche se un po’ sbiadite queste fotografie fissano i nostri ricordi.

Proprio facendo tesoro di questo ammaestramento ci siamo mossi nel corso delle cinque giornate dei Collection Days organizzate presso la sede del Giornale di Brescia per la raccolta di reperti della seconda guerra mondiale, durante le quali siamo venuti a contatto con le testimonianze più differenti, sia orali che materiali (fotografie in bianco e nero, lettere, frammenti di bombe esplose, proiettili, ecc.).

Col mezzo magico della fotografia abbiamo cercato di dare un contributo originale, tentando di raccontare l’irraccontabile, di scattare fotografie che mostrassero l’infotografabile.

Il mezzo fotografico si è rivelato infatti un ottimo strumento per riconsegnarci ricordi, emozioni, suggestioni, dolori, lutti stampati ancor oggi – a distanza di più di mezzo secolo – sui volti dei nostri testimoni. Abbiamo provato a fissare nella fotografia quanto è stato gelosamente conservato da questi ragazzi dell’epoca coinvolti in una tragedia più grande di loro: oggetti custoditi in scatole da loro stessi costruite con amore, ritratti di famigliari o di congiunti partiti per la guerra e spesso non più tornati. Ci siamo premurati poi di realizzare un ritratto di ogni intervistato: un gesto di riconoscenza e una prova della nostra ammirazione per chi ha avuto cura di conservare testimonianze uniche, capaci di raccontare un passato tanto sofferto quanto lacerante per le distruzioni e i lutti subiti.

Non sono mancate le difficoltà. C’era da trattenere le emozioni che sopravvenivano davanti a racconti tanto dolorosi. Al contempo, non potevamo tradire il nostro lavoro che consiste nel mettere a profitto tutte le competenze tecniche professionali acquisite durante il nostro percorso di studio alla LABA.

È stato un lavoro difficile ma appassionato e insieme un’esperienza unica per dei giovani, come noi, nati, cresciuti, sicuri – speriamo – di vivere un’epoca di pace che non conosce ed ha bandito l’orrore e la disumanità della guerra.

Gli occhi – si legge nel famoso romanzo Jane Eyre di Charlotte Brönte – sono lo specchio dell’anima. Nello sguardo di chi ci si pone di fronte, anche se non è direttamente rivolto verso l’obiettivo, è possibile individuare e arricchire di nuove profondità la narrazione condotta dal nostro interlocutore. Ciascuno di noi possiede una sorta di camera oscura dove si custodiscono le immagini più care del proprio passato. Anche se un po’ sbiadite queste fotografie fissano i nostri ricordi.

Proprio facendo tesoro di questo ammaestramento ci siamo mossi nel corso delle cinque giornate dei Collection Days organizzate presso la sede del Giornale di Brescia per la raccolta di reperti della seconda guerra mondiale, durante le quali siamo venuti a contatto con le testimonianze più differenti, sia orali che materiali (fotografie in bianco e nero, lettere, frammenti di bombe esplose, proiettili, ecc.).

Col mezzo magico della fotografia abbiamo cercato di dare un contributo originale, tentando di raccontare l’irraccontabile, di scattare fotografie che mostrassero l’infotografabile.

Il mezzo fotografico si è rivelato infatti un ottimo strumento per riconsegnarci ricordi, emozioni, suggestioni, dolori, lutti stampati ancor oggi – a distanza di più di mezzo secolo – sui volti dei nostri testimoni. Abbiamo provato a fissare nella fotografia quanto è stato gelosamente conservato da questi ragazzi dell’epoca coinvolti in una tragedia più grande di loro: oggetti custoditi in scatole da loro stessi costruite con amore, ritratti di famigliari o di congiunti partiti per la guerra e spesso non più tornati. Ci siamo premurati poi di realizzare un ritratto di ogni intervistato: un gesto di riconoscenza e una prova della nostra ammirazione per chi ha avuto cura di conservare testimonianze uniche, capaci di raccontare un passato tanto sofferto quanto lacerante per le distruzioni e i lutti subiti.

Non sono mancate le difficoltà. C’era da trattenere le emozioni che sopravvenivano davanti a racconti tanto dolorosi. Al contempo, non potevamo tradire il nostro lavoro che consiste nel mettere a profitto tutte le competenze tecniche professionali acquisite durante il nostro percorso di studio alla LABA.

È stato un lavoro difficile ma appassionato e insieme un’esperienza unica per dei giovani, come noi, nati, cresciuti, sicuri – speriamo – di vivere un’epoca di pace che non conosce ed ha bandito l’orrore e la disumanità della guerra.

01

Sergio Bazzana

01

Silvana Gervasoni

01

Bianca Frigoli

01

Paolo Minucci Teoni

01

Enzo Franzoni

01

Carlo Giuberti

01

Giuseppina Guaneri

01

Daniela Maccarinelli

01

Marina Nascimbeni

01

Franco Zanon

01

Michela Ondei

01

Paola Colombo

01

Marisa Mangerini

01

Fabrizio Paghera

01

Edda Cornacchiari

01

Franco Zanon

01

Bruno Lenzi

01

Ezio Melgazzi

01

Carlo Inverardi 

01

Agostina Rovea

01

Luigi Conforti

01

Luigi Bertoli

01

Arnaldo Cavadini

01

Sergio Manfredi

01

Angelo Mombelli

01

Franco Ragni

01

Luigi Fausti

01

Federico Dalla Vecchia

01

Federico Ventura

01

Dolores Bordoli

01

Andrea Reali

01

Ersilla Gaggiotti

01

Irene Trabucchi

01

Paola Rocca

01

Franco Molinari

01

Severino Mosconi

01

Italo Sabatti

01

Loretta Pasolini

01

Cristina Mazzoldi

01

Giovanni Soncini

01

Gian Carlo Marino

01

Maria Luisa Gribaudi

01

Gian Battista Corvi

01

Maurizio Roggero

01

Mario Valzelli

01

Roberto Manieri

01

Giovanni Baroncelli

01

Luigi Capretti

01

Marco Gatti

01

Giovanni Boccingher

01

Emilia e Annunciata Frassine

01

Giuseppe Fiaccola e Nino Monfardini

01

Alessandro Staurenghi

01

Massimo Claudio

01

Adele Manfredini

01

Pierangela Flocchini

Facendo clic su "ACCETTO", accetti l'archiviazione sul tuo dispositivo di cookie di terza parte, questo sito non profila gli utenti. Puoi decidere di acconsentire alla ricezione dei cookies oppure solo di alcune categorie di essi.
Privacy Policy Impostazioni
ACCETTO

Cookies in uso